Versione stampabile
Ricerca


 

ELIPS®
Hôpitaux Universitaires de Genève
rue Gabrielle Perret-Gentil 4
(ex - 24 rue Micheli-du-Crest)
1211 Genève 14
e-mail : elips.heart@hcuge.ch

Integrazione della malattia coronarica nella vita quotidiana

Ripresa del lavoro

La maggior parte dei pazienti tornano al lavoro dopo un periodo che va da 2 settimane a 3 mesi dall’evento cardiaco. Una ripresa del lavoro a tempo parziale o una modifica della vostra attività professionale vanno prese in considerazione. Chiedete consiglio al vostro medico curante o al vostro cardiologo.

Diritto di guidare la macchina

Si raccomanda di attendere da 1 a 4 settimane prima di rimettersi al volante, a seconda dei casi. Se siete conduttori di veicoli pesanti o che trasportano piu di 8 passeggeri, è proibito guidare prima di 6 settimane. Approfittate del periodo che passerete in riabilitazione per chiedere il parere di uno specialista.

Viaggiare in aereo/altitudine

É sconsigliato prendere l’aereo o andare ad alta quota (> 1500 m) durante le prime 4 settimane o se la vostra malattia non è stabilizzata.

Rapporti sessuali

Nel momento in cui siete di nuovo capaci di camminare di buon passo senza avere disturbi, dovreste poter riprendere un’attività sessuale normale. Se avvertite dei dolori durante l’atto sessuale, non avete più voglia o avete paura dei rapporti sessuali, parlatene con il vostro medico curante o con il vostro cardiologo. Attenzione: se seguite un trattamento a base di nitrati, l’uso di certi farmaci che trattano i disturbi dell’erezione (Viagra o altri farmaci analoghi) è controindicato, poiché può causare un’ipotensione arteriosa severa.

Reazioni psicologiche associate ad un infarto

Avete appena vissuto un evento cardiaco. É altamente probabile che voi, la vostra famiglia e i vostri amici proviate apprensione. Ciò è del tutto normale. La malattia é un evento sconvolgente che puo portare a tutta una serie di sensazioni e reazioni: stress, rabbia, rivolta, impotenza, solitudine, scoraggiamento, preoccupazione per il futuro, paura di morire... Un’altra possibilità è di comportarsi come se niente fosse accaduto o di minimizzarne l’importanza.

Parlatene! Non esitate a porci le vostre domande e a condividere le vostre preoccupazioni e i vostri sentimenti...Ciò vale sia per voi che per le persone che vi circondano, E’ l’occasione per riflettere sulle vostre priorità, le vostre abitudini e ripartire, per migliorare la vostra qualità di vita.

Se avete difficoltà a riprendervi, è probabile che abbiate bisogno di sostegno. Soprattutto, non attendete, chiedete consiglio..

Ultima modifica il 24/09/2010